AAA: Stiamo cercando persone che amano scrivere e fare un' informazione libera e di Tendenza. Il blog Cervelliamo ti aspetta come Autore. Potrai divertirti nel trattare qualsiasi argomento e guadagnare da quello che scrivi. Invia un articolo di prova dalla sezione: "INVIACI IL TUO ARTICOLO! "

lunedì 30 marzo 2015

ALESSIA MARCUZZI: DA PRESENTATRICE A NAUFRAGA A DUBAI

Ora che l'impegno con "L'Isola dei Famosi" è terminato ed i riflettori sugli isolotti dell'Honduras sono ormai spenti, è arrivato anche per la bella Alessia Marcuzzi il momento di godersi il meritato relax.
ALESSIA MARCUZZI: DA PRESENTATRICE A NAUFRAGA A DUBAI
Alessia Marcuzzi a Dubai
Complici i mille impegni di questi ultimi due mesi al timone dell'Isola, anche il marito della presentatrice avrà lamentato un po' l'assenza della sua mogliettina e così adesso i riflettori sono puntati solo su di loro e sulla luna di miele che si sono concessi a Dubai.

Come la stessa Alessia documenta con le foto che le ha scattato il marito Paolo, adesso la bella naufraga è lei. In succinti costumi che esaltano tutta la sua sensualità, Alessia appare distesa sulla sabbia a godere di tutto quel sole che solo fino a pochi giorni fa erano i suoi concorrenti a prendere tutti i giorni.

Via i pensieri lavorativi, quindi, ed occhi puntati sul suo pancino. Dopo il figlio Tommaso, avuto dall'ex calciatore Simone Inzaghi, e Mia, nata dalla relazione della conduttrice con il cantante e speaker radiofonico Francesco Facchinetti, ora Alessia potrebbe essere pronta ad un terzo figlio dal suo terzo compagno e primo marito. Stavolta a confermarlo è proprio lei che pochi giorni fa ha affermato : "Adesso posso pensare a dare un figlio a Paolo". Una promessa importante ed un sogno che, magari già a Dubai, potrebbe diventare realtà.
Continua »

AGGIORNAMENTO ULTIM'ORA GOVERNO RENZI-RIFORMA PENSIONI: POLETTI FINE ANNO MAGGIOR FLESSIBILITA'?

E finalmente so ha la conferma di quanto annunciato e ipotizzato nei nostri precedenti articoli sul tema riforma pensioni, nessuna intenzione di modificare o apportare cambiamenti sulla stessa nel corso dell'anno 2015 ma le decisioni finali saranno per fine anno per poterle presentare nella legge di stabilità 2016, e questa conferma viene proprio dal sempre vago Giuliano Poletti, ministro del Lavoro che ha affermato: 'All'ordine del giorno e il punto di riflessione e decisione coinciderà con la prossima legge di stabilità', questi mesi dunque saranno per avviare 'un lavoro preliminare di studio, che si concluderà a giugno con l'obiettivo di presentare al Parlamento una proposta chiara in un quadro di tenuta dei conti pubblici.', il che fa sottintendere che la preoccupazione maggiore restano e rimangono le 'risorse finanziarie' per suffragare e rendere attive le modifiche sulla riforma pensioni, nonostante una maggiore flessibilità in uscita sia una opzione necessaria e buona 'in un panorama molto diversificato', niente di fatto ma comunque attualmente si ha una data precisa su cui contare ma soprattutto sperare.

Poletti ha poi specificato: 'Dobbiamo partire dalle situazioni più difficile e socialmente più delicate come quelle dei lavoratori ultra 55 anni che hanno perso il posto di lavoro.', specificazione che risponde al presidente dell'Inps, Tito Boeri, il quale in una intervista ha di suo proposto l'uscita anticipata, riscuotendo un vitalizio pensionistico più leggero e introducendo ammortizzatori sociali per i lavoratori tra i 55 e i 60 anni di età; ma Giuliano Poletti nega la congettura di un intervento sui vitalizi pensionistici preesistenti come riportato da alcune stampe nazionali: 'gli assegni oltre un determinato importo già subiscono un contributo  di solidarietà e l'operazione sarebbe tecnicamente molto complessa.' e sottolinea il fatto che certe informazioni rilasciata dalla stampa possano in un qualche modo creare confusione e incertezze nei cittadini, molto attenti sul tema riforma pensioni.

POLETTI E LA RIFORMA PENSIONIIn una nota, Vera Lamonica, segretaria confederale Cgil, come abbiamo già scritto in un nostro precedente articolo sottolinea l'importanza di: 'Aprire al più presto un tavolo per cambiare radicalmente la legge Fornero.' ed aggiunge: 'è necessario intervenire introducendo meccanismo di flessibilità, ma senza prevedere nuovi tagli agli assegni previdenziali,'  ed in sintonia con la Cgil, Carmelo Barbagallo, leader della Uil, rafforza la tesi della Cgil esprime il suo assenso auspicandosi una convocazione in tempi brevi con il governo.

Carmelo Barbagallo aggiunge proseguendo: 'Per quanto riguarda la flessiiblità per l'accesso al pensionamento per la Uil la via maestra è quella di prevedere un range tra i 62 e i 70 anni entro il quale le persone possono scegliere, oppure attraverso la possibilità di combinare età e contributi (quota 100, n.d.r.) senza ulteriori penalizzazioni che sono già insite nel sistema contributivo.'
Giuliano Poletti si è dimostrato favorevole all'incontro con le sigle sindacali 'che hanno proposte da avanzare' ma senza precisare alcuna data in quanto 'dobbiamo fare un minimo di verifica e avere un po' di tempo per una visione condivisa' soprattutto anche con il presidente dell'Istituto Nazionale Previdenza Sociale, Tito Boeri.
Fonte: Pensioni Oggi
Continua »

POCHETTE COLORATE PER PRIMAVERA ESTATE 2015

Dal rosa, al giallo, al fucsia e all'azzurro nei colori  più brillanti, fino al classico bianco e alle fantasie animal , la pochette è mini o maxi, morbida o rigida a seconda del tuo stile.


Facile da abbinare ad eleganti abiti da sera, la pochette diventa anche accessorio da giorno che si adatta agli agli eventi piu' informali, ma sempre chic.

Potrai abbinare la tua borsetta ad abitini leggeri dalle fantasie floreali o ad un look in totale stile Nero per dare una nota di colore.
Osa mischiare i colori in accostamenti audaci: scegli pochette e scarpe di colori differenti per un risultato divertente e originale.
Se hai uno stile classico scegli la pochette nello stesso colore del tuo abito oppure scegli  una pochette bianca dai dettagli multicolor.
Se hai la sindrome di Mary Poppins puoi scegliere la hand bag a cartella, più capiente e pratica, , se invece ami il minimal puoi scegliere una mini pochette super chic.

In primo piano gli accessori e in particolare la pochette: un must di stagione, proposta in tantissime forme e in un'infinità di fantasie.
Forme geometriche, colori vivaci e dettagli divertenti per mini bag che si chiudono con una fibbia.
MODA POCHETTE IN ARRIVO PRIMAVERA 2015Da indossare in una bella giornata di primavera per valorizzare un abito semplice.
Se hai uno stile classico e sobrio opta per una pochette bianca.
Potrai infatti indossarla sia in inverno che in primavera estate.
Abbinala ad un abitino nero per ravvivare il total black o ad una fantasia colorata per bilanciare il look

Per un'occasione speciale puoi invece optare per una pochette gioiello o scegliere la mini box bag in metallo dall'effetto shining. impreziositi da dettagli madreperla, ideale da accostare al rosa pesco.
Oltre alle versione rigida, puoi anche pensare a un modello morbido con applicazioni e perline.
Continua »

IL "BEVERONE" DI BELLA CONTRO IL CANCRO

Anche se indirettamente, il metodo Di Bella viene riconosciuto da un esperto dello IEO. Finalmente arriva il trionfo per il professore.

Nemmeno fosse un poeta maledetto, la sua opera viene finalmente apprezzata e riconosciuta solamente dopo la sua morte. Fortunatamente il figlio del professor Luigi Di Bella ha portato avanti il metodo del padre ed ora, anche se non esplicitamente, il fatto che venga citato come promettente da un esperto dello IEO di Umberto Veronesi la dice lunga sulla sua validità.

IL "BEVERONE" DI BELLA CONTRO IL CANCRONe avevo già parlato in questo articolo, ma ripeterlo non fa male. Nel 1998 il Ministero della Salute "scomunicò" il professore, giudicando il suo metodo inutile ed inefficace, perchè prescriveva l'acido retinoico, un derivato della vitamina A. Ma il 25 Febbraio, in onda al TG1, un esperto dello IEO (Istituto Europeo di Oncologia) ne ha parlato, rivelando: Tra 5 anni avremo un farmaco capace di allungare la vita e di ridurre buona parte delle malattie compresi i tumori, il farmaco è l’acido retinoico.

Il fatto è che il suddetto acido è presente in farmaceutica da mezzo secolo e Di Bella lo somministrava già ai suoi pazienti, anche se i suoi irriconoscenti compaesani lo definivano "il beverone di Di Bella". Di Bella includeva da decenni l’acido retinoico nella cura di tutti i tipi di tumore, ritenuto da lui “capace di stimolare l’apoptosi, l’autodistruzione delle cellule neoplastiche”. Con questa affermazione aveva fatto infuriare gli oncologi, secondo cui la sostanza è utile nella sola leucemia promielocitica. Sfidando quelle indicazioni, Di Bella faceva invece un uso ampio dell’acido, diluito in una soluzione a base di vitamina E e beta-carotene, e lo prescriveva per tutti i tumori assieme ad altri farmaci, come continuano a fare i medici dibelliani.

È triste che siano passati tanti anni perchè cadessero le barriere degli interessi di aziende farmaceutiche e Stato, ma finalmente il professore si è preso la rivincita su chi lo screditava.
Continua »

RIFORMA PENSIONI-GOVERNO RENZI: DAMIANO NON CONDIVIDE CONTENUTI MANIFESTAZIONE LANDINI

La manifestazione svoltasi a Roma sabato scorso, indetta dal sindacato dei metalmeccanici sotto lo slogan 'Unions'  dove ha visto partecipe anche Susanna Camusso, leader della Cgil, ma solo per la presenza, si sono raccolte dichiarazione come: 'Il governo Renzi sta proseguendo come i governi precedenti Monti e Letta e anche con un peggioramento rispetto al governo Berlusconi', l'obiettivo della manifestazione era 'di mettere insieme i lavoratori e unire tutto quello che il governo sta dividendo', aprendo poi il discorso sull'iniziativa della 'Coalizione sociale'  ampliata al mondo dell'associazionismo che è stata proposta nei giorni scorsi da Landini della Fiom; Susanna Camusso pur rimanendo defilata ha dichiarato: 'Non siamo in piazza per difendere cose che non si sono più, anche perché ci hanno tolto tutto; e Renzi stia tranquillo, non siamo qui contro di lui, ma abbiamo l'ambizione di proporre idee per il futuro dell'Italia'; Landini ha attaccato il governo Renzi e fa una comparazione negativa con i governi precedenti anche quello di Berlusconi, affermando: 'Il 12 dicembre, in occasione dello sciopero generale, abbiamo promesso che non ci saremo fermati ed è per questo che oggi siamo qui; ci siamo stancati di spot elettorali, di slide e balle, perché bisogna avere il coraggio di dire la verità e di cambiare veramente il Paese.

Se i sindacati si sono stancati di sentire spot elettorali e via discorrendo cosa dovrebbero dire allora i cittadini che stanno aspettando da immemore tempo le decisioni mai pervenute se non le solite proposte lanciate sia da loro che da esponenti politici e che non hanno mai trovato risposte o fatti concreti per la risoluzione dei problemi inerenti la riforma pensioni, cosa dovrebbero mai fare quelle platee di milioni di persone che si sono viste allontanare l'età pensionabile come un razzo senza che mai nessuno si fosse presa la briga di levare scudi per combattere e difenderle ma hanno accettato supinamente quello che è stato deciso in una notte a Roma?

Matteo Renzi dal canto suo si bea perché, secondo lui, l'economia sta migliorando e la ricetta del governo funziona,  affermando con parole dure verso la Fiom rammentando sia 'l'unico  sindacato al mondo che protesta quando l'occupazione migliora, sono ossessionati dal consenso, noi invece abbiamo una sola ossessione, far ripartire l'economia e i contratti di lavoro, cosa che sta avvenendo, solo loro non se ne accorgono.'  e il premier si autogratifica segnalando la sua soddisfazione per indici dell'economia tutti 'positivi per le famiglie italiane', ma nessuna autogratificazione verso quella platea di pensionati e pensionandi che stanno aspettando ancora risposte dall'Esecutivo per poter accedere alla pensione, su questo tema non fa una sola parola, probabilmente sono dati del tutto trascurabili per lui anche se poi alla fine sciorina tutte le positività del mese di aprile: 'Ad aprile scende ancora il conto delle bollette per l'energia elettrica (-1,1%) e per il gas (-4%) ; significa un risparmio medio di 75 euro l'anno in più nelle tasche degli italiano dopo anni di crescita continua dei conti delle bollette: sono stime dell'Autorità competente: due giorni fa la Coldiretti ha parlato di storica inversione di tendenza nel commercio al dettaglio dei prodotti alimentari, con un aumento delle vendite del 2,9% a gennaio 2015; mentre Fincanteri firmava un contratto storico con la Carnival per 5 navi da crociera; come i 79 mila contratti a tempo indeterminato in più grazie agli incentivi; sono tutti segnali ad accelerare sulle riforme.' e anche qui nessun accenno alla riforma riforma pensioni, evidente segnale che la cosa non gli interessa più di tanto al nostro premier Renzi.
CESARE DAMIANO E RIFORMA PENSIONI
CESARE DAMIANO

Spende poche parole Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro alla Camera riguardo alla manifestazione di Roma, giustificando la sua assenza alla stessa affermando: 'Come ho già avuto modo di chiarire nei giorni scorsi, pur non avendo alcun pregiudizio, non condivido i contenuti della manifestazione di Roma e questo mi impedisce qualsiasi forma di adesione,' e ha sotttolineato che certamente non con le parole ma con i fatti si ottengono risultati: 'Inoltre credo da sempre che non sia di alcune utilità assemblare forze che non abbiamo obiettivi comuni perché si correrebbe il rischio di rifluire in una logica di pura protesta e di sterile contrapposizione alle politiche del Governo; le nostre critiche all'Esecutivo si sono sempre mosse partendo dai contenuti, come proposte alternative e con l'obiettivo di arrivare ad una sintesi condivisa: lo abbiamo fatto con il Jobs Act e siamo oggi impegnati della correzione al sistema pensionistico.', in sintesi Damiano dice: poche parole, meno voli pindarici ma fatti concreti suffragati da proposte serie e valide!
Continua »

NUOVI MODELLI BALLERINE P/E 2015: 'PRETTY BALLERINAS' E 'PRENDIMI' CON DESCRIZIONE E PREZZI

Un genere di scarpe che viene acquistato di frequente nei mesi primaverili ed estivi è quello delle ballerine che, come tutti i tipi di calzature, sono disponibili in varie fasce di prezzo.
Ad esempio sul sito 'Scarpe & Scarpe' potete dare un'occhiata ad un paio di ballerine della marca 'Prendimi' di colore bianco che hanno un aspetto molto femminile e delicato grazie al pizzo macramè che orna la loro parte superiore.

Questo paio di ballerine, oltre al pizzo, sono anche traforate e sulla punta hanno applicato un fiocchetto che dà un ulteriore tocco di stile. Sono scarpe ideali per essere abbinate sia ad un paio di jeans che a un abito primaverile o a una gonna e il loro prezzo è straordinario. 
Con una spesa di soli 29,90 euro potrete acquistarle direttamente dal sito di 'Scarpe & Scarpe' oppure nei suoi grandi magazzini.
 Le misure che potete trovare vanno dalla numero 36 fino alla 41.

Un secondo modello è quello della marca 'Pretty Ballerinas' che sta lanciando nella sua nuova collezione primavera/estate 2015 un paio di ballerine realizzate in pelle di serpente bianco.
Il modello 'Rosario' ha un'applicazione a forma di quadrifoglio realizzata con tanti cristallini 'Swarovski' di colore verde, in diverse tonalità, che non lo fa passare assolutamente inosservato.
 Al centro di questa applicazione compare uno 'Swarovski' rotondo sempre di colore verde scuro.

Questo paio di ballerine sono ideali da indossare anche in occasioni in cui l'eleganza è d'obbligo, senza dubbio vi faranno risaltare tra tutti i presenti e vi sentirete ugualmente comode grazie alla loro morbidezza.
Nuovi modelli ballerine P/E 2015
BALLERINE 'PRENDIMI'

Novità ballerine : modelli di 'Pretty Ballerinas' e 'Prendimi'
BALLERINE 'PRETTY BALLERINAS'

 Il loro prezzo è di 359 euro, certamente non si tratta di un livello alla portata di tutte le tasche ma se siete delle vere appassionate di questo tipo di scarpe potete fare uno strappo alla regola e acquistarle al più presto, prima che vadano esaurite!

Continua »