AAA: Stiamo cercando persone che amano scrivere e fare un' informazione libera e di Tendenza. Il blog Cervelliamo ti aspetta come Autore. Potrai divertirti nel trattare qualsiasi argomento e guadagnare da quello che scrivi. Invia un articolo di prova dalla sezione: "INVIACI IL TUO ARTICOLO! "

domenica 1 febbraio 2015

Ultime Notizie Cina, rallenta attività manifatturiera

7.32 Nel mese di gennaio, la produzione manufatturiera cinese ha toccato il punto più basso dall'ottobre 2012. L'indice Pmi (Manufacturing purchasing managers' index) è sceso infatti a 49,8 punti, in calo di 0,3 rispetto a dicembre 2014.Lo ha comunicato l'Istituto nazionale di statistica di Pechino. Il Pmi indica espansione dell'attività quando supera i 50 punti e contrazione quanto si colloca al di sotto di tale soglia. Sempre a gennaio, l'indice relativo ai servizi si mantiene positivo a 53,7, ma a dicembre 2014 era a 54,1.

from Ultim'ora Televideo http://ift.tt/1qIVc2F

via IFTTT
Continua »

NUOVA HONDA CR-V TEST DRIVE PRESTAZIONI LISTINO PREZZI FEBBRAIO 2015 MOTORE TURBO DIESEL DUE LIVELLI

La nuova versione della Honda CR-V viene proposta con un carnet di motori ed una rivisitazione delle linee di tutto rispetto: un turbo diesel a due livelli da 1,6 litri e ben 160 CV fa il suo esordio nei mercati italiani con una versione rivisitata prevista per i giorni 18 e 19 Aprile. Protagonista assoluto di questo evento sarà il nuovo entry level a gasolio con un prezzo di partenza da 26.800 €, mentre per quello alimentato a benzina saranno sufficienti 21.000 €.


Sono circa due anni che Honda CR-V rappresenta il suv più venduto al mondo attestandosi di fatto nella top 10 americana del 2014, essendo pure il primo non pick-up fra i veicoli che hanno fatto registrare le vendita maggiori nel mese di dicembre negli USA. In Italia non ha certamente ottenuto lo stesso successo, ma ciò è dovuto al fatto che le sue misure sono alquanto generose (4,61 metri), risultando probabilmente troppo esagerate per le nostre necessità. Honda CR-V fa la sua apparizione nel nostro territorio nella sua versione riveduta con un evento "porte aperte" previsto per il 18 e 19 aprile. E con un entry level a gasolio da 26.800 euro (per il benzina bastano circa 21.000 euro).

Rivisitato nell'estetica, il suv giapponese si distingue per il suo nuovo motore diesel con turbo a due livelli da 1.6 litri e 160 cavalli con il quale Honda manda in pensione il 2.2 esibito finora. L'unità è Euro 6 ed è abbinata alla ormai quasi “popolare” trasmissione ZF a 9 rapporti. Rispetto al propulsore cui subentra non è solo più efficiente nei consumi e nelle emissioni, ma anche più leggero: 65 chilogrammi in meno, cambio incluso. Griglia, paraurti e fari, sia anteriori sia posteriori, sono stati oggetto dell'aggiornamento: niente di sostanziale, anche perché tutte le misure sono rimaste invariate, inclusa la capacità del bagagliaio (fino a 1.669 litri). Fa eccezione la carreggiata: 1,5 centimetri di larghezza in più.

E poi ci sono i cerchi dal nuovo design, da 17 o 18''. La gamma cromatica per la carrozzeria è salita a 9 tinte, con il Golden brown metallic in più. Gli interventi hanno riguardato anche l'abitacolo, che si conferma confortevole e spazioso, ma nemmeno in questo caso le novità sono immediatamente percepibili. Sull'insonorizzazione Honda assicura un miglioramento del 6%. Impossibile fare il paragone con il modello precedente, più facile con quello di qualche rivale asiatico: la differenza a favore della casa giapponese si sente. Le portiere beneficiano di guarnizioni dallo spessore raddoppiato per le portiere, di un più generoso ricorso a materiali isolanti per il cruscotto, per i montanti e le stesse portiere.

Ma soprattutto di una sigillatura della parte anteriore del cofano per ridurre i fruscii. Le novità più rilevanti sono la trasmissione automatica a doppia frizione (2.000 euro) ed il motore da i-DTEC 1.6 litri da 160 cavalli a 4WD, 5 in più rispetto al vecchio 2.2, e 350 Nm di coppia. Costa almeno 3.000 euro in più del diesel meno potente ed è accreditato di una percorrenza di 20,4 chilometri per litro e del “miglior rapporto potenza consumi del segmento”. In combinazione con il cambio manuale a sei rapporti assicura emissioni di 129 g/km di CO2 (-11%). L'unità appartiene alla generazione Earth Dreams Technology ed abbatte l'attrito del 37%, che assume valori simili a quelli di un propulsore benzina.

Il nuovo turbocompressore a 2 stadi utilizza 2 turbine posizionate a monte ed a valle del flusso dei gas di scarico: il turbo ad alta pressione (a geometria variabile) è responsabile del flusso d'aria al motore ai bassi regimi, mentre il turbo a bassa pressione opera ai regimi superiori. A regimi medi, lavorano insieme per fornire. Anche gli altri due motori della gamma sono Euro 6: il benzina da 2.0 litri e 155 cavalli (192 Nm) ed il diesel da 1.6 da 120. La trasmissione automatica ZF a nove offre addirittura 4 marce in più rispetto a quella impiegata finora, contribuendo ad ottimizzare la distribuzione della trazione ed in grado di scalare anche di 4 livelli (dalla nona alla quinta). L'altro fiore all'occhiello di Honda CR-V è la dotazione di sicurezza, naturalmente non disponibile sull'entry level. Il rinnovato suv offre Honda Sensing con il primo sistema al mondo di cruise control adattivo intelligente (i-ACC) in grado di prevedere possibili impatti legati al cambio di corsia con un anticipo fino a 5 secondi.
Nuova Honda CR-V
Nuova Honda CR-V
Il sistema si basa sui dati raccolti dalla telecamera anteriore e dal radar. Altre tecnologie disponibili su CR-V Model Year 2015 sono l’avviso di collisione frontale, di allontanamento dalla corsia, il sistema di riconoscimento della segnaletica, di informazione sull'angolo cieco, di monitoraggio del traffico in avvicinamento al veicolo e di supporto fari abbaglianti. Sul top di gamma, Executive, c'è tutto di serie, mentre per gli altri allestimenti sono disponibili specifici pack. Prova su strada Lo spazio non manca di certo. Da questo punto di vista Honda CR-V si conferma un suv dalla vocazione premium, grazie all'uso di materiali che “gratificano”, inclusi i “cuscinetti” all'altezza dei ginocchio (destro per chi guida e sinistro per il passeggero anteriore).

Il divano posteriore è abitabile anche centralmente, sicuramente molto meglio rispetto ad altri modelli. Il doppio schermo non aiuta la concentrazione e quello nuovo da 7'' è piazzato forse un po' troppo in basso rispetto alla posizione di guida, comunque ergonomica. La visibilità è buona. Il navigatore Garmin (700 euro per averlo come optional) è chiaro nella grafica, ma esagerato nelle indicazioni e non sempre puntualissimo.

 Il nuovo cambio automatico si lascia assolutamente apprezzare: è morbidissimo nelle cambiate, tanto da non farsi notare. Il motore, rotondo nell'erogazione, non è prontissimo nell'erogazione della coppia ai bassi regimi, ma questo non è un suv per “bruciare i semafori”. L'utile i-ACC interviene spesso sull'autostrada nei dintorni di Barcellona dove si svolge il test drive. Talvolta bruscamente, seguendo un algoritmo che può sicuramente venire migliorato. Si lascia “spaventare” dalla presenza di camion ma frena anche in fase di sorpasso, diminuendo probabilmente un impatto con il veicolo a lato, ma aumentando il rischio di un tamponamento da parte dell'auto che segue. In ogni caso, è un sistema “autorevole” al quale chi guida – che può naturalmente scegliere di disattivarlo – può fare riferimento.

Interessante il dato sui consumi. Al termine dell'itinerario misto il consumo contabilizzato è attorno ai 6,5 litri per 100 chilometri (4,9 quello dichiarato). Il giudizio è complessivo è ampiamente positivo.
Continua »

PROCESSO A ERRI DE LUCA, LA LIBERTA' DEL POETA

Oggi, queste le parole dello scrittore Erri di De Luca incriminate:

«... La TAV va sabotata. Ecco perché le cesoie servivano: sono utili a tagliare le reti. (...) Hanno fallito i tavoli del governo, hanno fallito le mediazioni: il sabotaggio è l’unica alternativa...»; «... resto convinto che la Tav sia un’opera inutile e continuo a pensare che sia giusto sabotare quest’opera...».

Queste parole di De Luca configurano, come dicono i Pm di Torino, il reato di istigazione a delinquere (art. 414 Codice Penale)? Questo è il problema dei cd “reati di opinione” come l'istigazione, di chi giustifica – si dice- la violenza dei NO-TAV in Val di Susa.

Qui dobbiamo intenderci: De Luca è uno Scrittore, un Poeta, non un guerrigliero. Si sa, ha una certa visione del mondo e del presente socio-politico, di forte disagio verso la modernità tecnologica (di cui la TAV è un simbolo). Nel suo pamphlet sulla TAV fa Poesia; come faceva Poesia Pasolini con gli articoli “corsari” del Corriere della Sera (Io conosco gli Autori delle stragi …). Cosa si pretende? Che sulla TAV De Luca dicesse: “Nè aderire, né sabotare?” … Ma scusate… E poi qui, la Politica non c'entra, c'entra la Poesia.
LA LIBERTA' DEL POETA
Qualcuno dice oggi che il Poeta deve essere responsabile … Ma avremmo avuto i capolavori di Cèline, se questo fosse stato … responsabile? Avremmo avuto le visionarie, terribili, ma geniali pagine di Curzio Malaparte de La Pelle, se Malaparte fosse stato … responsabile? Se tutti questi grandi scrittori si fossero detti: “Accidenti, meglio non turbare i borghesucci che ci leggono...”? … Io direi di no ...

Non c'è alternativa: o la Poesia è libera, e allora riesce a vedere ogni cosa con una sapiente “intelligenza delle emozioni”, che va oltre la capacità del sentire e del linguaggio comune di vedere o sentire i fatti (e in De Luca, è forte il sentimento di una Tecnica che minaccia, aliena l'uomo dalla sua umanità); oppure, la Poesia si adagia in una convenzionalità di linguaggio: ma allora, è Circolare ministeriale, è velina, è Minculpop ... non è più Poesia!
Le parole, i pensieri, anche i più esecrabili, in uno Stato civile, hanno solo un tribunale, non quello della Stato, che impone dall'alto, i pensieri e … l'estetica appropriata, quanto il Tribunale dell'Opinione Pubblica. E a maggior ragione, non si reprime la Poesia: forse il Poeta non è “Sacro”, come diceva Moravia sulla tomba di Pasolini. Ma certo vive in una dimensione propria, che va riconosciuta e rispettata.
Continua »

Ultime Notizie Isis,Kerry:uccisione conferma brutalità

6.30 "La barbara uccisione di Kenji Goto mostra ancora una volta la brutalità dell'Isis e il suo programma estremista". Lo afferma il Segretario di Stato americano, John Kerry, sottolineando che gli Stati Uniti continuano a essere vicini al Giappone nel combattere il terrorismo.

from Ultim'ora Televideo http://ift.tt/1y1t5Ky

via IFTTT
Continua »

NUOVO RENAULT ESPACE MONOVOLUME CROSSOVER DI LUSSO PREZZI LISTINO TECNOLOGIA AVANZATA CONSUMI RIDOTTI

Dopo soltanto pochi mesi dalla sua appariizone nei mercati internazionali, il nuovo Renault Espace fa la sua comparsa nel territorio italiano, presentandosi con un listino prezzi che parte da una base di 32.900 € fino ad arrivare a 45.500 €. Il peso del nuovo Renault Espace viene sgravato di 250 kg compiendo di fatto un cambio di categoria: dal comparto dei monovolume passa ad essere annoverato a quello dei crossover premium forniti di ben 7 posti, e tanta tecnologia avanzata e consumi contenuti. 


Renault Espace dopo la prima apparizione al Salone di Parigi, fa capolino a Milano nel Teatro Vetra dove in mezzo ad effetti speciali e tanta tecnologia avanzata, sorprendendo la stampa con contenuti notevolmente rivoluzionari. Dopo aver dato vita circa 30 anni fa alle auto monovolumi, oggi Renault con lo stesso nome Espace si appresta a lanciare la sfida ai crossover con una linea azzeccata ma con l'unico neo della sola trazione anteriore, dal momento che non è stata prevista la integrale 4x4.

In Italia il nuovo Renault Espace, un'auto che si ispira fortemente all'aeronautica e che, in fase di progettazione, ha visto la consulenza di Mercedes-Benz ed Infiniti con cui ha siglato una partnership che interessa citycar come Twingo e Smart ed ammiraglie, mentre con Infiniti si tratta di vera alleanza visto che la Casa francese controlla il marchio nipponico. La prevendita della nuova Renault Espace è prevista per febbraio mentre a maggio arriva nelle concessionarie, con prezzi che partono dai 32.900 euro della versione Zen 1.6 dCi 130 Cv ed arrivano ai 45.500 euro dell'Initiale Paris dCi 160 CV EDC 6 rapporti.

Le linee esterne del nuovo Espace rispecchiano la profonda ricerca di aerodinamica, eleganza e fluidità condotta dai tecnici del gruppo francese. Per quanto riguarda gli interni, troviamo un abitacolo che richiama la cabina di pilotaggio di un aereo, con una consolle centrale "sospesa" che evoca un comando avveniristico e stilizzato tipico del mondo dell'aviazione. Il nuovo Renault Espace si annuncia piacevole da guidare, dinamico ed agile, anche e soprattutto per merito dell'innovativo sistema Renault Multi-Sense: questo dispositivo coordina tutte le tecnologie disponibili a bordo, così da offrire piacere di guida supplementare e benessere durante il viaggio. Il Multi-Sense controlla ogni cosa, dal sistema 4Control al controllo delle sospensioni, fino a modificare l'atmosfera luminosa e sonora a bordo.

In funzione della modalità di guida selettiva nata con il comando Multi-Sense, infatti, l'atmosfera luminosa può assumere una tonalità verde, blu, gialla, rossa o viola, trasmettendo emozioni energizzanti o rilassanti che si adattano al momento della giornata o all'umore del conducente. L'offerta Renault Espace prevede tre diversi allestimenti: Zen, Intens e Intiale Paris. Il design è espressivo e caratterizzato da cromature, proiettori Full LED pure vision e cerchi flexwheel da 17 pollici. L'esperienza di vita a bordo è davvero inedita, per merito anche del parabrezza panoramico Lumière, e molto interessante risulta anche la modularità One-Touch. C'è poi il nuovo sistema Renault R-Link 2 con tablet multimediale da 8.7", mentre l'assistenza alla guida è garantita da sistemi come il Radar 360°.

La versione Intens offre un supplemento di tecnologia e di comfort come il cambio automatico EDC con consolle centrale sospesa, retrocamera e nuovo sistema Multi-Sense con Ambient Lighting. La versione Initiale Paris si distingue per il comfort, i materiali e la ricchezza degli equipaggiamenti. Anche il design esterno è specifico, grazie alla nuova tinta esclusiva Nero Ametista metallizzato, cerchi da 19 pollici dal design specifico, sellerie in pelle Nappa Pieno Fiore, sedili anteriori con 10 regolazioni (oltre che riscaldati e massaggianti). E' previsto infine il sistema audio premium BOSE Surround System. Il nuovo Renault Espace, occorre segnalare, ha perso 250 chilogrammi rispetto alla precedente generazione, una perdita di peso pari a oltre il 13% della massa totale. Di seguito la gamma motori completa.
Nuovo Renault Espace
Nuovo Renault Espace
Motorizzazioni Diesel
Energy dCi 160 EDC con tecnologia Twin Turbo: 1,6 l 160 cv e 380 Nm di coppia a 1.750 g/min. La motorizzazione cuore di gamma del nuovo grande crossover di Renault si distingue per l’agilità e la reattività, ma anche per l’intenso piacere di guida, dovuto alla trasmissione a doppia frizione EDC 6 rapporti, allo stesso tempo dinamica e confortevole. L’associazione assolutamente inedita della motorizzazione Energy dCi 160, della trasmissione automatica EDC e delle diverse modalità di guida Multi-sense®, rendono Nuovo Espace un veicolo orientato verso il piacere di guida. Infine, la motorizzazione Energy dCi 160 EDC offre a Nuovo Espace un rapporto potenza/consumo ai migliori livelli del mercato. Energy dCi 130: 1,6 l 130 cv e 320 Nm di coppia a 1750 g/min. Questa motorizzazione dispone di una trasmissione manuale 6 rapporti ed è stata specificamente progettata per clienti che privilegiano le economie di esercizio e il comfort.

Motorizzazioni Benzina
Energy TCe 200 EDC: 1,6 l 200 cv e 260 Nm di coppia disponibile a 2500 g/min. Per i clienti che desiderano una motorizzazione benzina, Nuovo Espace propone un nuovo propulsore particolarmente incentrato su dinamismo e sensazioni al volante. La motorizzazione Energy TCe 200, infatti, è una versione evoluta del motore montato su Clio R.S. Particolarmente prestazionale su Nuovo Espace, consente una guida dinamica e agile. Equipaggiato con una nuova trasmissione a doppia frizione EDC 7 rapporti con spaziatura corta, offre riprese incisive. Questa motorizzazione racchiude tutte le condizioni per garantire il massimo piacere di guida.(Infomotori)
Continua »

Ultime Notizie Tokyo, video uccisione Goto è autentico

5.31 Il governo giapponese ha giudicato oggi "altamente probabile" l'autenticità del video attribuito ai miliziani dell'Isis che mostra l'esecuzione dell'ostaggio giapponese Kenji Goto. "Pensiamo che la probabilità è molto elevata", ha dichiarato il porta voce del governo, Yoshihide Suga, a proposito dell'autenticità del documento che è stato analizzato da esperti. Viene anche confermato che la persona uccisa nel video è Kenji Goto.

from Ultim'ora Televideo http://ift.tt/1x681nR

via IFTTT
Continua »